Dario Fo – L’apocalisse rimandata ovvero benvenuta catastrofe!


A cura di Massimo Ghelfi

Pensate che il petrolio, nonostante i prezzi alle stelle, sia comunque l’unica fonte di energia possibile? Siete certi che le riserve di “oro nero” siano sufficienti per coprire il fabbisogno dei prossimi anni? Siete convinti che le preoccupazioni sui danni dell’inquinamento e dell’effetto serra siano ingiustificati allarmismi?
Se la pensate così (ma anche se, al contrario, siete consapevoli dei rischi che corriamo), leggete questo libro: vi riserverà molte sorprese. Affronta temi oggi molto dibattuti, come la crisi energetica, l’inquinamento ambientale, la necessità di utilizzare fonti di energia alternativa, ma con uno sguardo del tutto nuovo. Quello arguto e irriverente di un artista poliedrico, incarnazione istrionica della cultura popolare, nonché premio Nobel della Letteratura: Dario Fo.
Il problema ambientale sta diventando per lui “una disperata ossessione”. Ammette infervorato: «non perdo occasione, appena incontro qualcuno, sia maschio che femmina, sia giovane che anziano, di sollevare il problema e di tentare il loro coinvolgimento».
Lo fa anche in questo libro, prendendo a braccetto i lettori e accompagnandoli in un viaggio immaginifico in un mondo sconvolto dall’esaurimento del petrolio. Un libro, arricchito da 65 disegni dell’autore, che invita a riflettere ma senza mai perdere il sorriso. Una lettura critica che si allarga all’intera società senza risparmiare potenti, politici, giornalisti e persino uomini di chiesa, bersagli dell’irriverente sberleffo dell’autore.
Cosa accadrebbe se un bel giorno, svegliandoci, scoprissimo che non possiamo più ascoltare la radio, utilizzare il computer, viaggiare in auto o in aereo, trasportare merci con i camion? Che ne sarebbe di noi se crollassero all’improvviso tutti i pilastri su cui si fonda la vita moderna? Una tragedia, penserete voi. Ma ne siete certi?
Dario Fo ci invita a considerare questa fantasiosa (ma non certo infondata) possibilità da un nuovo punto di vista. Quello che appare come un drammatico epilogo per l’umanità potrebbe trasformarsi in un punto di partenza verso la rinascita, la salvezza dalla schiavitù del petrolio e dalle aberrazioni dell’economia che gli ruota attorno. Con il suo sguardo sornione Fo immagina un mondo nuovo, dove il droghiere del negozio all’angolo, da sempre sbeffeggiato per le sue preoccupazioni ecologiste, possa trovare una rivincita sfoggiando il suo avveniristico impianto per la produzione di energia solare, o dove il professore del politecnico, che ha brevettato un’auto che funziona ad aria compressa, sia l’unico a poter circolare su quattro ruote nelle strade deserte. Su scala internazionale potrebbero svanire situazioni di tensione legate al controllo dei giacimenti petroliferi e, perché no, l’umanità potrebbe persino fare a meno delle guerre.
Insomma, per un provocatore delle coscienze come l’autore, in questo mondo alla rovescia non c’è solo da perderci ma anche da guadagnarci. La strada verso la salvezza passa dunque attraverso la catastrofe? Sì se non ci accorgiamo dove stiamo andando a finire, se non “raddrizziamo il tiro”.
Dario Fo, con questa sua nuova e geniale “opera buffa”, ci invita a farlo, sul serio, prima che sia definitivamente troppo tardi.

Massimo Ghelfi

Titolo: L’ apocalisse rimandata ovvero Benvenuta catastrofe!
Autore: Dario Fo
Editore: Guanda
Collana: Le Fenici tascabili
Prezzo: € 8.50
Data di Pubblicazione: Ottobre 2009
ISBN: 8860882389
ISBN-13: 9788860882387
Pagine: 201
Reparto: Narrativa > Narrativa contemporanea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *