Dante Livio Bianco – Guerra partigiana


A cura di Renzo Montagnoli

Il partigianato
Ai più Dante Livio Bianco risulterà uno sconosciuto, ma dopo aver letto questo suo libro e dopo avere imparato che cosa fu veramente la Resistenza finirà con il diventare un personaggio indimenticabile. Nelle pagine si respira un’aria di libertà, di speranza, un’aria buona che manca da troppo tempo. Non è il solito strombazzato retoricamente eroismo partigiano, ma è la realtà di uomini che si trasformano, che militarmente combattono per affermare un ideale di giustizia e di libertà, e Giustizia e Libertà si chiameranno infatti le brigate del Partito d’Azione, di cui Bianco é membro. L’autore sa scrivere in un bello e conciso italiano e, soprattutto, sa quel che vuol dire; vuole mettere nero su bianco quale fu l’esperienza partigiana nel cuneese, una delle zone a più alta densità di “ribelli”. Il suo non è un romanzo, ma è uno studio organico, la cui attenta lettura porta a comprendere chiaramente come vennero a nascere le bande, come progredirono, la loro funzione, il loro inserimento nel tessuto sociale.  Sono dell’idea che arrivati all’ultima pagina si sappia molto sul movimento partigiano, non se ne abbia solo un’idea, ma una conoscenza approfondita. Divisa in capitoli sistematici l’opera si presta a fornire puntuali risposte alle tante domande. Rammento, in particolare, avendo destato in me maggior interesse, quelli relativi al carattere popolare dei partigiani, all’inevitabile crisi che subentra nei superstiti dopo un rastrellamento, alla militarizzazione e politicizzazione delle formazioni,  alla tecnica militare e allo spirito politico-morale. Si noti bene, peraltro, che Dante Livio Bianco non era un professore di storia, ma un avvocato; evidentemente, però, ha avvertito il desiderio e la necessità di ricordare, per primo a lui stesso e agli uomini della sua epoca, e di far conoscere alle generazioni successive un fenomeno, quale quello del partigianato, del tutto nuovo per l’Italia e con ambizioni non solo di liberare il paese dal giogo nazi-fascista, ma anche di gettare le basi per la nascita di una nuova Italia. Tuttavia, mi è sembrato di avvertire fra le righe delle ultime pagine un senso di sconforto, poiché, finita la guerra, anziché veder sorgere un periodo di rivoluzione (nel senso politico e non insurrezionale del termine) ebbe inizio subito, implacabile, la restaurazione, di cui scontiamo tuttora gli effetti.
Da leggere, lo merita.

guerra-partigianaTitolo: Guerra partigiana
Editore: Einaudi
Collana: Einaudi tascabili. Scrittori
Prezzo: € 9.80
Data di Pubblicazione: aprile 2006
ISBN: 880618086X
ISBN-13: 9788806180867
Pagine: 152
Reparto: Storia

Dante Livio Bianco, nato nel 1909, avvocato, scomparso nel 1953 in una sciagura alpinistica, costituì la prima pattuglia della Resistenza piemontese. Nel 1945 successe a Duccio Galimberti nel comando delle formazioni di «Giustizia e Libertà».
 

Renzo Montagnoli Sito

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *