Comprensione multipla di Kieran Egan


Comprensione multipla
pagina 69

La comprensione mìtica 69

Gli antropologi possono anche di¬scutere la generalizzazione delle sue scoperte oltre l’esteso corpus di miti che egli ha analizzato nella sua opera in quattro volumi Mitologica, ma la sottostante struttura binaria di questi miti sembra andare oltre la disputa. Lévi-Strauss mostra come una struttura logica complessa, che organizza in modo significativo l’ambiente degli utilizzatori del mito e le loro vite, sia costruita sulla base di elementi opposti. Sebbene quella di Lévi-Strauss sia una dimostrazione discutibile degli usi della struttura binaria nelle culture orali tradizionali, essa qui serve da complemento leggermente stravagante alle osservazioni più di routine circa l’uso universale di dualismi come maschio/ femmina, permesso/vietato, naturale/culturale e buono/cattivo. Ma la sua osservazione di base sull’ubiquità delle opposizioni trova un’eco costante: l’argomentazione di Joseph Needham sulla semplicità dello Yin/Yang nella cultura cinese e su analoghe dicotomie in molte altre culture porta Jack Goody a concludere che «tali idee sembrano intrinseche al pensiero umano, all’uso del linguaggio stesso» (1977, p. 40).
Che la struttura binaria sia dominante nel pensiero dei bambini più piccoli sembra un’affermazione così ovvia che a malapena c’è bisogno di argomentarla. Qualsiasi persona che osservi la struttura del pensiero dei bambini più piccoli può osservare ciò che Bruno Bettelheim chiama la «maniera in cui [i bambini] possono portare un po’ di ordine nel [loro] mondo dividendo ogni cosa in opposti» (1976, p. 74). La caratteristica strutturale più evidente delle storie dei bambini o di narrazioni autogenerate è che il contenuto di superfìcie molto comunemente si fonda su insiemi binari di base come sicurezza/paura, buono/cattivo, coraggioso/codardo, amore/odio, felice/triste, povero/ricco, salute/malattia e permesso/vietato. La storia di Hànsel e Gretel, ad esempio, è articolata su una potente struttura «sicurezza/paura».
Organizzare la capacità di comprensione del mondo fisico attraverso la formazione iniziale di strutture binarie — caldo/freddo, grosso/piccolo, soffice/duro, storto/dritto, dolce/aspro — permette un primo orientamento su una gamma di fenomeni complessi altrimenti sconcertanti: «Una volta che un’opposizione è stabilita e il suo principio compreso, allora sia l’opposto sia qualsiasi termine intermedio possono essere istantaneamente definiti dall’opposizione o dal grado» (Ogden, 1976, p. 20). Tali dicotomie non sono necessariamente, e nemmeno spesso, costruite su veri opposti logici

Titolo: Comprensione multipla. Sviluppare una mente somatica, mitica, romantica, filosofica e ironica
Autore: Kieran Egan
Editore: Centro Studi Erickson
Collana: Guide per l’educazione
Prezzo: € 21.50
Data di Pubblicazione: Settembre 2012
ISBN: 885900084X
ISBN-13: 9788859000846
Pagine: 400
Reparto: Educazione e Formazione > Filosofia e teoria dell’educazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *