Colpo di spugna di Jim Thompson


Colpo di spugna
pagina 69

COLPO DI SPUGNA

69

Rimisi a posto l’asse del marciapiede pestandoci su. Robert Lee Jefferson, il padrone del negozio di ferramenta, catturò il mio sguardo e mi fece cenno di entrare. Andai e lo seguii nel suo piccolo ufficio sul retro.
Robert Lee Jefferson era il procuratore della contea, oltre che il padrone del negozio, visto che quell’attività non lo impegnava tanto da interferire con il suo compito. Mi misi a sedere e mi disse che avevo gestito proprio bene la situazione con Tom Hauck, e che sicuramente, d’ora in avanti, Tom avrebbe avuto molto rispetto per la legge e l’ordine.
– In effetti, immagino che l’intera città ce l’avrà, non credi, Nick? Tutti quei nobili contribuenti che hanno osservato il modo in cui hai mantenuto la quiete pubblica.
– Credo che tu voglia dire proprio il contrario di quello che stai dicendo. Allora cosa pensi che avrei dovuto fare, Robert Lee?
– Diamine, avresti dovuto arrestare Hauck, naturalmente! Sbatterlo in galera! Sarei stato felicis-simo di sostenere l’accusa.
– Ma per cosa potevo arrestarlo? Non certo per-ché pestava uno di colore.
– Perché no?
– Oh, avanti, – dissi. – Avanti, Robert Lee. Non parlerai sul serio, vero?
Abbassò lo sguardo sulla sua scrivania, esitando per un momento. – Be’, forse no. Ma ci sono altri reati di cui avresti potuto accusarlo. Ubriachezza in pubblico, per esempio. O caccia fuori stagione. O percosse alla moglie. O, ehm…

Titolo: Colpo di spugna
Autore: Jim Thompson
Traduttore: Martini A.
Editore: Einaudi
Collana: Einaudi. Stile libero big
Prezzo: € 13.50
Data di Pubblicazione: Marzo 2014
ISBN: 8806209329
ISBN-13: 9788806209322
Pagine: 254
Reparto: Gialli

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *