Cinema: Magic in the Moonlight


A cura di Silvio Danese

LA FEDE E IL DUBBIO MAGIA WOODY ALLEN
Allen numero 45, dixieland in Costa Azzurra anni ’20, l’eco di Houdini, dimore dell’esotismo americano in Europa, sedute spiritiche, segreti e bugie, razionalismo bntish e irrazionalismo yankee, l’aldiqua e l’aldilà. Scritto alla Billy Wilder pensando alle commedie di Shakespeare e Molière, gioca alla maschera della magia (tema ciclico di Woody) flirtando con Kierkegaard: la fede e il dubbio, la coscienza e il cielo stellato, Dio e l’esistenza. Firth e la Stone bisticciano come le star del cinema classico, lui celebrità tra i prestigiatori internazionali, lei medium dilettante sospettata di simulazione per conquistare un’eredità. Quando tutto è perduto fuorché la ragione, la magia screditata prende la rivincita nel suo vero potere: l’amore. Solo seguendo l’ammirevole “come” si apprezza il poetico “perché”.

Titolo originale: Magic in the Moonlight
Nazione: U.S.A.
Anno: 2014
Genere: Commedia, Drammatico
Durata: 98′
Regia: Woody Allen
Cast: Emma Stone, Colin Firth, Marcia Gay Harden, Hamish Linklater, Jacki Weaver, Erica Leerhsen, Simon McBurney, Eileen Atkins, Antonia Clarke, Jeremy Shamos, Ute Lemper, Paul Bandey
Produzione: Dippermouth, Gravier Productions

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *