Cinema: La verità negata di Mick Jackson


Recensione film La verità negata di Mick Jackson

L’OLOCAUSTO HA BISOGNO DI PROVE
Ne abbiamo sentito parlare forse distrattamente, ma fu un processo importante, nel 2000: David Irving contro Deborah Lipstad, lo studioso britannico negazionista e l’accademica ebrea, lo sterminio hitleriano e la memoria da tramandare. Su sceneggiatura di un asso della drammaturgia inglese, David Hare, il meno asso Mick Jackson (“Guardia del corpo”) ricostruisce con qualche enfasi l’inchiesta e i quattro mesi del dibattimento, che escluse le testimonianze dei superstiti per non esporre alle strette regole legali il dolore delle vittime, puntando sull’assurda, ma inevitabile esibizione di prove, a partire da dettagli logistici e strutturali dei campi. La produzione schiera il cast come un esercito in missione: dalla Weisz (americana un po’ spaesata) alle colonne Spali, Wilkinson e Scott. Interessante.

Silvio Danese

denialTitolo originale: Denial
Conosciuto anche come:
Nazione: U.S.A., Regno Unito
Anno: 2016
Genere: Drammatico, Biografico
Durata: 100′
Regia: Mick Jackson
Cast: Rachel Weisz, Andrew Scott, Timothy Spall, Tom Wilkinson, Mark Gatiss, Harriet Walter, Jack Lowden, Alex Jennings, Caren Pistorius, Andrea Deck, Maximilian Befort

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *