Cinema: La metamorfosi del male


A cura di Silvio Danese

E l’avvocatessa e la bestia
Ha la museruola come Hannibal the Cannibal il ragazzo accusato di aver sterminato con inaudita brutalità una famiglia, cagnetto compreso (ma la mamma si è salvata tra confuse e inutilizzabili memorie del disastro). Il pelosissimo Talan le ha tutte per sembrare il colpevole, a partire da accessi di violenza da antica malattia ereditata, che ci viene illustrata in progressive indagini mediche. Non ci crede l’immancabile intrepida avvocatessa. Che dovrà fare i conti con un’evidenza, come dire, spaventosa. Incrocio bilanciato tra il serial killer di turba psichica e l’horror di antropofagia, con uno sviluppo che intona la caccia al mutante, è un film che si sforza di accumulare prova di realtà, utilizzando riprese tv e l’immancabile effetto found footage. Si vede, e in fondo non si sfora dalla tradizione.

Titolo originale: Wer
Nazione: U.S.A.
Anno: 2013
Genere: Horror, Thriller
Durata: 89′
Regia: William Brent Bell
Cast: A.J. Cook, Sebastian Roché, Stephanie Lemelin, Vik Sahay, Oaklee Pendergast, Brian Scott O’Connor, Simon Quarterman, Corneliu Ulici
Produzione: FilmDistrict, Incentive Filmed Entertainment, Prototype, Room 101

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *