Cinema: Felice chi è diverso


LA FATICA DI ESSERE GAY
«L’Iideadi dire a tuo padre: guarda, sono omosessuale, non si poteva neanche immaginare, e se sapeva mi umiliava» dice un pacato signore 80enne in una delle venti interviste di questo toccante amarcord omosessuale, rivelatore di decenni italiani d’un dopoguerra di derisioni, omissioni, spregio, emarginazione, solitudine. Da documenti d’epoca, servizi giornalistici, tv, pubblicità, il regista di “Ladro di bambini” e “Le chiavi di casa” conduce sottovoce e in profondità un’inchiesta su censura e malcostume che diventa diario delle conseguenze dell’amore diverso, senza autocompassione, senza bandiere. Finocchio, invertito, dell’altra sponda, pederasta, maschione, le parole sono storie, ma è l’età, il tempo delle scelte, delle gioie e delle sofferenze, a emozionare tutti.

Silvio Danese

Titolo originale: Felice chi è diverso
Nazione: Italia
Anno: 2014
Genere: Documentario
Durata: 93′
Regia: Gianni Amelio
Cast: Glauco Bettera, Giorgio Bongiovanni, Mosè Bottazzi, Nicola Calì, Ciro Cascina, Francesco Cocola, Roberto David, Ninetto Davoli, John Francis Lane, Corrado Levi
Produzione: Luce Cinecittà, Rai Cinema, Rai Trade
Distribuzione: Luce Cinecittà
Data di uscita: Berlino 2014
06 Marzo 2014 (cinema)

)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *