Bllodbuster e Melelli raccontano Tessari: Tessari e lo spaghetti-western


A cura di Gordiano Lupi

Altre sceneggiature peplum  e storiche di questo periodo: Maciste contro il vampiro (1961), Ercole alla conquista di Atlantide (1961), Le meraviglie di Aladino (1961), Maciste alla corte del Gran Kahn (1961), Ercole al centro della Terra (1961), Marco Polo (1961), Romolo e Remo (1961).
La seconda regia di Duccio Tessari è un remake de Il fornaretto di Venezia (1939) di John Bard (Dulio Coletti), che nel 1963 esce con identico titolo, replicando la storia cinquecentesca del figlio di un fornaio veneziano capro espiatorio per un delitto maturato nell’ambito della nobiltà. Duccio Tessari e regista e sceneggiatore insieme a Marcello Fondato, ma la base del racconto è il dramma di Francesco Dall’Ongaro, riconvertita – secondo Goffredo Fofi – a “metafora  sul conservatorismo illuminato e la rivoluzione proletaria”. Un lavoro interessante, a metà strada tra il giallo e l’apologo politico, che non si limita a raccontare una vicenda ma cerca di lanciare un messaggio basato su una lettura morale dell’opera e su una precisa ricostruzione storica. Interpreti: Gastone Moschin, Stefania Sandrelli, Michèle Morgan, Enrico Maria Salerno,. Sylva Koscina, Jacques Perrin.
Tessari resta a Venezia per la sceneggiatura de Il ponte dei sospiri (1963), quindi gira La sfinge sorride prima di morire (1964), noto anche come Stop Londra, un film minore che esula dai generi sino a questo momento sperimentati per dirigersi verso lo spionistico – avventuroso. Il film è ambientato in Egitto (da Demofilo Fidani) e alla base della vicenda ci sono alcuni lingotti d’oro rubati da una banca del Cairo concupiti da diverse persone. Il cast tecnico è ottimo. Tessari scrive il soggetto e lo sceneggia insieme a Guido Zurli, Aristide Massaccesi è l’operatore alla macchina, Camillo Teti si occupa della produzione. Interpreti: Tony Russel, Maria Perschy, Manuela Kent, Ivan Desny, Tullio Altamure, Franco Ressel, Gigi Ballista.
Molto importante la sceneggiatura di Per un pugno di dollari (1964), scritta insieme a Fernando di Leo e al regista Sergio Leone, che porta Tessari a contatto con il cinema western, genere che lo consacrerà al successo popolare. Il quarto film di Tessari da regista è Una voglia da morire (1965), certo non annoverabili tra le sue cose memorabili, anche se tra gli interpreti troviamo Annie Girardot, coadiuvata da Alberto Lionello, Raf Vallone e Michel Lemoine. Una pellicola drammatica che racconta le vicissitudini di due ricche borghesi milanesi in vacanza ad Arenzano che per dimostrare il loro potere di seduzione si improvvisano prostitute per una notte. Finirà male. Una viene uccisa e l’altra torna a Milano terrorizzata. I borghesi non possono permettersi lo scandalo, per questo i mariti nascondono i fatti e mettono a tacere i pettegolezzi.
Il cinema western è il prossimo passo di Tessari che scrive la sceneggiatura di Sette pistole per i Mac Gregor (1965) e subito dopo scrive il soggetto e dirige i suoi due successi indimenticabili: Una pistola per Ringo (1965) e Il ritorno di Ringo (1966). Nel primo film Giuliano Gemma si fa chiamare Montgomery Wood, mentre gli altri protagonisti sono Fernando Sancho, Hally Hammond, Nieves Navarro e Antonio Casas. Ringo (detto Faccia d’Angelo) è un fuorilegge solitario che recita la parte del buono perché aiuta uno sceriffo a sconfiggere una banda di pericolosi banditi. Due miliardi d’incasso e fama meritata per Giuliano Gemma, mentre esplode la western mania e Tessari si unisce ai migliori autori del filone mettendo in scena una storia classica, non molto originale, ma girata senza sbavature. Effetti speciali notevoli, sequenze rapide, velocità di esecuzione, ritmo, ironia, sono le armi vincenti del cinema di Tessari. Il ritorno di Ringo è un ottimo sequel ispirato all’Odissea, scritto da Tessari e Fernando di Leo, interpretato ancora da Gemma (Wood) e da Sancho, ma pure da Lorella De Luca (si fa chiamare Hally Hammond), Nieves Navarro e Atonio Casas. Ringo torna a casa dopo aver combattuto nella guerra di Secessione, scopre che il suo villaggio è nelle mani dei banditi e si rende conto che la moglie (De Luca) sta per cedere alle loro lusinghe. Proprio come Ulisse viene creduto morto, si presenta vestito da vagabondo e uccide i suoi nemici uno dopo l’altro. Molta ironia nel testo ma anche citazioni precise del poema omerico, a dimostrazione che la grande letteratura si presta a ogni trasposizione. Musiche di Ennio Morricone.

Continua…

Gordiano Lupi
www.infol.it/lupi
www.gordianol.blogspot.com
http://cinetecadicaino.blogspot.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *