Cinema: Billy Lynn: Un giorno da eroe di Ang Lee


Recensione film “Billy Lynn: Un giorno da eroe” di Ang Lee

IL REGISTA LEE IN PSICO-TRINCEA
Con qualche presunzione (non ha una vera visione sulla guerra) e molto ritardo (su immagini ormai diffuse), il regista di “Brokeback Mountain” racconta isolamento psicologico e tormento mediatico di un marine, eroe in Iraq, inserito con la squadra nel Victory Show del Ringraziamento, prima di essere rispedito al fronte. Tra denuncia e cronaca, adrenalina di battaglia e psicosi del rientro, in realtà si fa strada l’idea che più del soggetto e della capacità di farne un buon film, a Lee e alla produzione interessi la novità tecnologica sperimentata: 120 fotogrammi al secondo (cinque volte la norma), in 3D (nativo, come si dice) e 4k di risoluzione per una definizione ultra. Poche sale nel mondo sono adeguate. Visto “Redacted” di De Palma, è difficile accettare lo sguardo moscio di Lee.

Silvio Danese

Titolo originale: Billy Lynn’s Long Halftime Walk
Nazione: U.S.A., Regno Unito, Cina
Anno: 2016
Genere: Drammatico, Guerra
Durata: 113′
Regia: Ang Lee
Cast: Joe Alwyn, Kristen Stewart, Garrett Hedlund, Vin Diesel, Steve Martin, Chris Tucker, Makenzie Leigh, Tim Blake Nelson, Ben Platt, Beau Knapp, Deena Dill, Arturo Castro, Mason Lee, Bruce McKinnon

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *