Ballata dell’odio e dell’amore


A cura di Silvio Danese

Sangue al circo all’ombra di Franco
Scomposto, eccessivo e «visionario», viene da una cavalcata nella storia di Spagna, dalla Guerra Civile agli anni ’70 franchisti. Racconta, con sovraccarico emotivo che potrebbe allontanare un pubblico incline alla sobrietà del cuore, i paradossi del sangue circense, nella vicenda d’amor conteso di due pagliacci e una trapezista. Alla base c’è la strage di un padre contro la milizia franchista anni ’40 e la simmetrica ribellione del figlio nei primi 70. Piacendogli l’immagine un po’ truculenta, il regista di «El dia de la bestia» trova però anche la sua misura poetica, venata di macabro ed evocativa (di Fellini). Cerca un taglio originale per dire il più tradizionale dei mondi dello spettacolo.
Premio della regia a Venezia 2011. Focoso.

Titolo originale: Balada triste de trompeta – The last circus
Nazione: Spagna, Francia
Anno: 2010
Genere: Drammatico
Durata: 107′
Regia: Alex De La Iglesia
Cast: Carolina Bang, Santiago Segura, Antonio de la Torre, Fernando Guillen-Cuervo
Produzione: Motion Investment Group, Canal+ España, Castafiore Films, La Fabrique 2, Televisión Española, Tornasol Films
Distribuzione: Mikado
Data di uscita: Venezia 2010
08 Novembre 2012 (cinema)
Trailer:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *