Arrigo Petacco – Il prefetto di ferro


A cura di Renzo Montagnoli

Il prefettissimo
La n’drangheta, la Sacra Corona Unita, la camorra e la mafia sono mali endemici del nostro meridione, anche se l’operatività di queste associazioni criminali si sono ormai estese a tutta l’Italia, ramificandosi perfino all’estero. La mafia è certamente la più conosciuta e si è sviluppata in Sicilia, diventando un contro stato. Mai sconfitta, magari qualche volta ferita, attraversò tuttavia un brutto periodo negli anni ‘20, allorchè Mussolini, ormai al potere, decise di combatterla, affidando l’incarico, con pieni poteri, al prefetto Cesare Mori, uomo non di regime, anzi avversato ferocemente dai fascisti romagnoli da quando era a capo della prefettura di Bologna, dove, con il solo scopo di far ispettore la legge, cercava di ostacolare le manovre eversive delle squadracce.  Uomo integerrimo, di vecchio stampo liberale, era l’unico che poteva riuscire nello scopo, sia per le sue indubbie capacità, sia per l’esperienza maturata in alcuni anni di inizio secolo proprio in Sicilia. Dotato di una forte personalità e anche di una notevole ambizione i risultati non tardarono a venire, anche perché, investito di poteri assoluti, non andava tanto per il sottile e di fatto conduceva una guerra senza quartiere. Famoso fu l’assedio di Gangi, paese di 16.000 abitanti con 160 briganti; riuscì non solo a catturarli, ma anche a far passare dalla sua parte i cittadini, prima consenzienti soprattutto per paura. La sua massima, a cui sempre si ispirò, era questa: “Se la mafia fa paura, lo Stato deve farne di più.”. Da questa azione gli derivo una notorietà non solo a livello nazionale, ma anche all’estero, con soddisfazione di Mussolini che poteva così presentare un regime che risolveva anche i più difficili e spinosi problemi. Tuttavia, e Mori ne era ben consapevole, nella rete cadevano solo i pesci piccoli, al massimo qualche pezzo da 90 ormai imbolsito, ma il cervello, la cupola era inattaccabile, grazie alle connivenze con i politici locali e non solo con quelli. Certo tanti malfattori finirono in carcere o al confino, ma i grandi capi preferirono emigrare, per poi tornare con gli americani all’epoca dello sbarco in Sicilia. Altri ancora, invece, capirono l’aria che tirava e si inserirono, magari indirettamente, nel tessuto connettivo del fascismo. Qualche risultato fu comunque ottenuto, come la defenestrazione dell’onorevole Cucco, federale di Palermo e di fatto massimo esponente del fascismo in Sicilia, che non era mafioso, ma colluso con l’onorata società. Con il tempo Mori divenne un personaggio scomodo, uno che non si tirava indietro e andava fino in fondo, chiunque fosse l’indagato; anche lui si accorse che qualcosa stava cambiando e più per opportunità che per convinzione si iscrisse al partito nazionale fascista. Non bastò, e, nominato senatore per alti meriti il 22 dicembre 1928,  nel giugno dell’anno successivo fu collocato a riposo con effetto dal 16 luglio stesso anno “per anzianità di servizio” (35 anni per i prefetti sulla base di nuova legge che sembrava varata ad hoc). Gli si diede anche un piccolo omaggio: la presidenza del Consorzio di 2° grado dell’Istria, in cui ben operò fino alla sua morte avvenuta il 5 luglio 1942. In quel periodo quasi di esilio gli venne la passione di scrivere, in verità con mediocri risultati, tranne che per Con la mafia ai ferri corti, un libro sulla sua esperienza siciliana, non ben accolto dal fascismo, anzi decisamente avversato, ma che riuscì a vendere bene, soprattutto all’estero.
Petacco ne fa una biografia in cui unisce ammirazione a recriminazioni, ammirazione per la coerenza, la ferrea volontà, la capacità dell’individuo, recriminazioni per non aver saputo essere anche un politico, il che forse avrebbe permesso la morte della mafia, invece solo stordita, e pronta a riprendersi proprio con la caduta del fascismo. Lo stile snello, la vicenda stessa, il personaggio rendono la lettura particolarmente interessante e piacevole.

il-prefetto-di-ferroTitolo: Il prefetto di ferro. L’uomo di Mussolini che mise in ginocchio la mafia
Editore: Mondadori
Collana: Oscar storia
Data di Pubblicazione: giugno 2004
Prezzo: € 10.50
ISBN: 8804532750
ISBN-13: 9788804532750
Pagine: 237
Reparto: Biografie e memorie

Arrigo Petacco è nato a Castelnuovo Magra (La Spezia) e vive a Portovenere. Giornalista, inviato speciale, è stato direttore della «Nazione» e di «Storia illustrata », ha sceneggiato film e realizzato programmi televisivi di successo. Nei suoi libri affronta i grandi misteri della storia, ribaltando spesso verità giudicate incontestabili. Fra gli altri ricordiamo, pubblicati da Mondadori:Dear Benito, caro Winston, I ragazzi del ’44, La regina del Sud, Il Prefetto di ferro, La principessa del Nord, La Signora della Vandea, La nostra guerra. 1940-1945, Il comunista in camicia nera, L’archivio segreto di Mussolini, Regina. La vita e i segreti di Maria José, Il Superfascista, L’armata scomparsa, L’esodo, L’anarchico che venne dall’America, L’amante dell’imperatore, Joe Petrosino, L’armata nel deserto, Ammazzate quel fascista!, Il Cristo dell’Amiata, Faccetta nera, L’uomo della Provvidenza, La Croce e la Mezzaluna, ¡Viva la muerte!, L’ultima crociata, La strana guerra, Il Regno del Nord, O Roma o morte, Quelli che dissero no, Eva e Claretta, A Mosca, solo andataNazisti in fugaLa storia ci ha mentito e Ho sparato a Garibaldi.

Renzo MontagnoliSito

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *