Antonio Tenisci – La Madama


A cura di Renzo Montagnoli

Una tragedia scespiriana
Di Antonio Tenisci avevo già letto Nuvole rosse sotto il mare, un buon romanzo storico sulla battaglia avvenuta a Ortona fra gli alleati e i tedeschi nel corso della seconda guerra mondiale, con questa cittadina diventata una sorta dui piccola Stalingrado. L’autore vive lì e quel luogo gli deve essere tanto caro da ambientarvi un giallo storico, dalle tinte fosche, dal sapore scespiriano. Infatti in La Madama c’è di tutto: la lotta per il potere, amici e nemici, i buoni e i cattivi, i tradimenti, un incesto e infine un delitto, la cui soluzione è affidata a un capitano “Moro”, vale a dire a un nero. Da quest’opera è nata poi una pièce teatrale di successo, ma trasformarla per il teatro non deve avere costituito una grossa difficoltà per Tenisci, vista l’impostazione e la struttura del romanzo, diviso più in quadri che in capitoli, in ciascuno dei quali dominano, a turno, i protagonisti, attraverso i cui occhi possiamo vedere la scena e per ciò che dicono seguire la trama e comprendere lo stato d’animo e l’atmosfera. Le pagine non sono tante (104), ma questa brevità è più che giustificata dal fatto che l’intera vicenda si svolge nell’arco di poche ore in una notte. Se probabilmente la quasi totalità dei personaggi è di fantasia, sicuramente esistita è invece la Madama, appellativo attribuito a Margherita d’Austria, figlia naturale dell’imperatore Carlo V e che in realtà entra nella storia di Ortona, avendola acquistata. Nonostante il titolo la sua presenza nell’opera è limitata, non certo da comparsa, ma da attore di secondo piano e comunque non protagonista. Tuttavia il suo inserimento appare indispensabile per conferire al romanzo una sua precisa collocazione temporale e per essere il pretesto (il suo arrivo in città) per imbastire una trama complessa, che si dipana in una serie di verità che si susseguono e in una crescente tensione emotiva a cui contribuiscono certamente il delitto e le indagini, ma anche la tragedia familiare che gradualmente si consuma. Sembra non esservi speranza per i personaggi di uscire dalla tenebrosa galleria in cui sono entrati e che percorrono fino al termine, dibattendosi, di fronte alla verità, come falene  intorno a una lampada.
Opera indubbiamente originale, nonostante qua e là alcuni richiami scespiriani, La Madama si presta a una veloce e gradevole lettura.

La MadamaTitolo: La Madama
Editore: Tabula Fati
Collana: Nuove scritture
Prezzo: € 10.00
Data di Pubblicazione: gennaio 2016
ISBN: 8874755023
ISBN-13: 9788874755028
Pagine: 104
Reparto: Narrativa

Antonio Tenisci vive a Ortona in Abruzzo dopo anni di lavoro a Roma e Napoli. È stato consulente informatico presso la Direzione Generale di Telecom Italia e in seguito responsabile del presidio internet della Camera dei Deputati.
Ha partecipato a diverse conferenze per importanti società informatiche e scritto su alcune riviste del settore.
Ha pubblicato racconti per le riviste “Horror Magazine”, “Writers Magazine Italia”, “Abruzzo letterario” e per le antologie 365 racconti per la fine del mondo(2012), 365 racconti d’amore (2013), 365 racconti di Natale (2013), Il Magazzino dei Mondi 2 (2014) e 365 racconti d’estate (2014) della Delos Books.
Al romanzo d’esordio Nuvole rosse sotto il mare (Solfanelli, Chieti 2012) è stato assegnato il Premio della Critica al concorso internazionale “Montefiore” di Cattolica (2012).
I racconti Tommies e La bocca del diavolo sono stati finalisti al Premio WMI e pubblicati dall’autorevole rivista letteraria “Writers Magazine Italia” (ottobre 2013 e febbraio 2014).
La raccolta di racconti Tommies è stata pubblicata dalla Tabula fati (Chieti, 2014).
Il racconto Feldmarschall ha vinto il 32° Premio Writers Magazine Italia (Maggio 2014). Il romanzo breve La Madama è stato pubblicato in forma digitale dalla Delos Digital Editore (Settembre 2014). Dal romanzo La Madama è stata realizzata un’opera teatrale dal titolo omonimo (2014). Dal racconto H come Amore è scaturito un dramma teatrale musicale (2015).

Renzo MontagnoliSito

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *