Antonio Pennacchi – Canale Mussolini


A cura di Renzo Montagnoli

Un’occasione sprecata
Una saga familiare per raccontare un’epoca non è certo una novità e non sono pochi gli autori, non solo italiani, che hanno scritto al riguardo. Ci ha provato anche Pennacchi, narrandoci delle vicende della famiglia Peruzzi, spostatasi, per necessità, dal rovigotto alle ex Paludi Pontine, risanate dall’intervento massiccio del regime fascista teso a dare nuova terra coltivabile agli italiani.
Si potrebbe pensare quindi a un romanzo storico e in parte Canale Mussolini lo è, ma è influenzato da quel desiderio di riappacificazione nazionale volto a riscrivere l’avvento e il dominio del fascismo, compito certamente difficile e in cui l’autore si è gettato a capofitto, evidenziando però carenze culturali e di approccio che fanno di quest’opera un libro sicuramente leggibile, ma anche approssimativo, dalle facili conclusioni che cadono come sentenze, in un quadro di eccessive semplificazioni dei problemi proprie di chi crede di sapere come siano andate effettivamente le cose perché convinto che la sua conoscenza sia completa e assoluta.
Alla base del romanzo quindi c’è un peccato di presunzione che finisce con l’inficiare la validità delle asserzioni, spesso gratuite, frutto non tanto di una disamina attenta, quanto di un credo politico.
Ed è un peccato perché l’idea di partenza era e resta buona e così, anziché trovarci di fronte a un rigoroso romanzo storico, scorre davanti agli occhi una lunga telenovela, con personaggi che sono degli stereotipi del socialista, dell’anarchico, del fascista, insomma una sorta di opera rientrante nella cultura nazionalpopolare, così cara ai regimi illiberali e feconda sia sotto il fascismo che sotto il governo dei soviet.
Ciò nonostante il libro riesce più di una volta ad avvincere, perché le vicende rientrano in quei percorsi della natura umana in cui tutti, chi più chi meno, ci ritroviamo.
Ci sono in effetti pagine da epopea, come quella della bonifica delle paludi, un racconto corale che ben si presta all’agiografia, anche se proprio lì si riscontra un atteggiamento didascalico che appesantisce il romanzo, in cui peraltro sono frequenti divagazioni, variazioni di tempi non sempre giustificabili, che finiscono per portare al lettore una certa stanchezza e comunque tale da fargli scorrere velocemente le pagine per ritrovare quelle di un discorso più snello e quindi più appagante.
Il ritmo della narrazione è altalenante, discontinuo, con improvvisi acuti seguiti da vere e proprie fasi di stanca, quasi che l’autore volesse prendere un po’ di fiato e del resto si potrebbe dire che Pennacchi ricorre a un italiano più parlato che scritto, con frequenti frasi in un dialetto veneto un po’ particolare, quasi modificato per aumentarne la comprensibilità.
Se l’impostazione colloquiale (l’autore si rivolge a un ipotetico lettore) è strutturalmente interessante, però, data la lunghezza del libro, finisce con l’annoiare e peraltro il testo stesso poteva essere ridotto alquanto, perché le frequenti divagazioni, che tirano in ballo anche personaggi occasionali e di scarso rilievo per l’opera, occupano non poche pagine.
In questo bilancio i difetti, fra i quali un uso della lingua italiana non proprio da manuale, sono parecchi e i pregi pochi; resta un certo fascino della vicenda che desta interesse, ma se questo consente di considerare il romanzo un prodotto nel complesso leggibile, le numerose pecche non giustificano assolutamente l’assegnazione del Premio Strega, che conferma ancora una volta lo scadimento delle ultime edizioni.

Titolo: Canale Mussolini
Autore: Antonio Pennacchi
Illustratore: Cardinali S.
Editore: Mondadori
Collana: Oscar contemporanea
Prezzo: € 11.00
Data di Pubblicazione: Febbraio 2013
ISBN: 8804628049
ISBN-13: 9788804628040
Pagine: 460
Reparto: Narrativa > Narrativa contemporanea

Antonio Pennacchi è nato a Latina il 26 gennaio 1950. Si appassiona alla politica fin da giovane, aderendo al Movimento Sociale Italiano, ma poi passa a sinistra con i marxisti-leninisti. Operaio dell’Alcatel muta continuamente opinione politica iscrivendosi al Partito Socialista Italiano e alla CGIL, da cui verrà espulso con l’accusa di essere un filo-brigatista. Entra quindi alla UIL, poi si iscrive al Partito Comunista Italiano e ritorna alla CGIL, da cui sarà nuovamente espulso. E’ l’occasione per lasciare la politica attiva, per laurearsi sfruttando un periodo di cassa integrazione e per iniziare l’attività di scrittore.
Ha scritto, fra l’altro:
– Mammut (Donzelli, 1994);
– Palude. Storia d’amore, di spettri e di trapianti (Donzelli, 1995);
– Una nuvola rossa (Donzelli, 1998);
– Il fasciocomunista (Mondadori, 2003);
– Shaw 150. Storie di fabbrica e dintorni (Mondadori, 2006);

– Canale Mussolini (Mondadori, 2010)

Renzo Montagnoli Sito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *