Recensione: Antonio Badolato e Armando Rati – 1918: la fine della Grande Guerra


Altipiani, Grappa, Piave, Vittorio Veneto
L’anno del riscatto
Nei giorni caotici della nostra ritirata di Caporetto erano ben pochi quelli disposti a scommettere su una rivincita dell’esercito italiano: troppi i nostri militari caduti prigionieri, notevoli le perdite negli armamenti, in particolare nelle artiglierie, consistenti, per non chiamarle cospicue, le quantità dei generi alimentari cadute in mano al nemico. Soprattutto, i timori maggiori venivano dal profondo stato di sconcerto e di sconforto delle nostre truppe. Arretrarono fino al Piave, la linea di estrema difesa, ma sarebbero riusciti i nostri militi a fermare  il nemico incalzante? Contrariamente a tante paure, a una quasi rassegnazione all’inevitabile, avvenne il miracolo. Quei soldati, fino a pochi giorni prima demotivati, stanchi, affranti, strinsero i denti e si batterono come leoni, inchiodando gli austriaci sulla sponda sinistra. Più che da un desiderio di riscatto erano mossi dalla certezza che senza uno sforzo immane il nostro paese, e così le loro case, i loro familiari, le loro attività sarebbero cadute in mano al nemico. A ciò aggiungasi che un previdente intuito del generale Cadorna, sorto dopo l’arresto nel 1916 della famosa Strafexpedition, aveva portato a fortificare quel bastione naturale che era il Monte Grappa, con la costruzione anche di una strada lunga una trentina di chilometri, sebbene larga solo tre metri. In quei primi giorni del novembre 2017 e fino a tutto il dicembre dello stesso anno lì si decisero le sorti della guerra, che nel 1918 fu ancora sanguinosa, soprattutto nella famosa battaglia del solstizio, l’ultimo disperato tentativo degli austriaci di sfondare le nostre linee e di dare una svolta al conflitto. Non ci riuscirono, li respingemmo e quindi la vittoria arrise a noi. Seguirono giorni di preparazione alla nostra stoccata definitiva che avvenne con la celebre battaglia di Vittorio Veneto, decisiva per le sorti della guerra. Antonio Badolato e Armando Rati hanno voluto parlarci di questo 1918 in un bellissimo saggio storico intitolato appunto 1918: la fine della Grande Guerra. Giorno per giorno ci fanno rivivere le grandi battaglie, i piccoli scontri che ci portarono dall’inferno al paradiso, con una scrittura lineare e notevolmente avvincente. L’opera è divisa in otto capitoli, ognuno dei quali stilati dall’uno o dall’altro storico (per l’esattezza tre da Armando Rati e cinque da Antonio Badolato), e affronta tanti temi, alcuni dei quali spesso trascurati da altri saggisti, come nel caso del sesto capitolo in cui Antonio Badolato ci parla dell’attività di spionaggio, del movimento di resistenza nelle province invase e delle difficili condizioni di vita della popolazione civile. Ma se l’anno chiave è il 1918 il libro va oltre perché nell’ottavo capitolo redatto da Armando Rati si parla dell’esercito italiano dall’armistizio alla pace, con riferimento a quasi tre anni, cioè fino al 1920, relazionando dettagliatamente sulla smobilitazione, sul ritorno dei prigionieri, sull’occupazione dell’Alto Adige e sulle nostre operazioni militari all’estero, fino alla conclusione dell’avventura fiumana. Si tratta quindi di un’opera di estremo interesse e di grande valore, con il supporto di una bibliografia di storici di comprovata capacità e serietà. Appare evidente, quindi, che la lettura è senz’altro consigliata.

Titolo: 1918. La fine della grande guerra. Altipiani, Grappa, Piave, Vittorio Veneto
Autore: Antonio Badolato, Armando Rati
Prezzo copertina: € 15.00
Editore: Sometti
Data di Pubblicazione: gennaio 2008
EAN: 9788874952991
ISBN: 8874952996
Pagine: 232

Antonio Badolato è nato a Guastalla nel 1951; proviene dagli studi di giurisprudenza e da una lunga esperienza professionale nel ruolo di direttore di risorse umane e organizzazione, maturata in noti istituti di credito. Badolato è giornalista pubblicista, ha pubblicato diversi saggi di argomento storico, ed è inoltre Maggiore di complemento del Genio Alpino.

Armando Rati è un generale dell’esercito originario di Acquanegra sul Chiese in provincia di Mantova.  Laureato in pedagogia, a indirizzo storico, ormai congedato, si occupa di storia, prevalentemente militare. Ha così pubblicato numerosi saggi, fra i quali 1918: la fine della Grande Guerra4° Reggimento artiglieria contraerei 1926-2003CaporettoI bersaglieri nel Risorgimento (1848-1870)L’80° Fanteria – La lunga storia eroica di un Reggimento mantovano diventata leggenda , La fulgida epopea della Divisione PasubioGiacomo Desenzani un generale castiglionese nella Grande Guerra, tutti editi da Sometti.

Renzo MontagnoliSito

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.