Anime alla deriva di Richard Mason 1


Anime alla deriva

Pagina 69

Neanche mezza parola affettuosa, niente di più personale del suo nome.
Ma Ci andai lo stesso. Chi non sarebbe andato al mio posto? E andai con la gioia nel cuore e una canzone sulle labbra.
Ella era sotto il tabellone delle partenze a Paddington, piccola e sperduta tra la folla. In jeans e un vecchio maglione, i capelli arruffati come appena alzata dal letto, non avrebbe potuto essere più diversa dalla donna che aveva chiacchierato con tanta disinvoltura di regali di fidanzamento e di cerimonie nuziali la settimana prima.
– Ciao James, – disse vedendomi.
– Ciao Ella.
Ci guardammo.
– Grazie di essere venuto.
– Non hai niente di cui ringraziarmi
Fu lei a prendere i biglietti, e intento mi disse in tono quasi di scusa: – Ho paura che sarà un viaggio un po’ lungo. Ma ti prometto una bella ricompensa quando saremo giunti a destinazione. Nel paese c’è un pub che ti piacerà di sicuro. Fino ad allora, ti dovrai accontentare dei classici panini da treno -. E prendendomi per mano, mi portò al binario da cui partiva l’espresso per la Cornovaglia.
La ricordo in treno. Ricordo la lana verde sul suo maglione contro la sua pelle color crema; l’onda dei capelli appena lavati; il profumo del suo sapone, Ecco Ella senza belletti: ma la figuretta decadente del parco, non l’elegante invitata alla festa di Camilla, e neanche la bambola artificiale del ricevimento della matrigna.
Ella Harcourt era una donna dalle mille sfaccettature; possedeva una sua malleabilità estetica che ho trovato soltanto in lei, eppure di donne ne ho conosciute in settant’anni.

Titolo: Anime alla deriva
Autore: Richard Mason
Traduttore: Bertola S.
Prezzo: € 13.00
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Data di Pubblicazione: Gennaio 2005
ISBN: 8806174010
ISBN-13: 9788806174019
Pagine: 256
Reparto: Narrativa > Narrativa contemporanea


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Anime alla deriva di Richard Mason

  • ezilde

    Sinceramente questo libro mi ha fatto schifo. non posso sprecare parole più affettuose, per citare l’autore stesso. inoltre la concetti è rozza e filo-maschilista, e il suo caschetto biondo finto ne è CHIARO indice.
    Pace all’anima vostra, amen. Non me ne abbiate a male.