Andrei Kurkov – Picnic sul ghiaccio


A cura di Anifares

“… È qualcuno che ha lottato per affermarsi, e nella lotta è difficile rimanere puliti e onesti. E per di più oggi si lotta solo per raggiungere dei valori materiali. I pazzi idealisti sono scomparsi come classe. Sono rimasti soltanto i pazzi materialisti …”

Questa frase è stata scritta da Andrei Kurkov uno scrittore del 1961 nato a Kiev. A 12 anni possedeva la settima collezione di cactus dell’Ucraina. È autore di otto romanzi (che hanno spesso protagonisti animali: un topo, un camaleonte, un pappagallo…) e di quattro libri per bambini. Questo scrittore mi è stato consigliato da un mio amico tedesco, infatti “Picnic sul ghiaccio” è stato tradotto in dieci lingue ed è già un best seller in Germania e in Francia.
È una piacevole lettura dove vi sono delle simpatiche assurdità. La prima, Viktor (il protagonista quarantenne) ha adottato un pinguino di nome Misha dopo la chiusura dello zoo di Kiev. La seconda: Viktor viene chiamato dal giornale locale a scrivere necrologi (per gli addetti ai lavori “i coccodrilli”). La terza:  iniziano a morire tutti quelli che Viktor prepara il necrologio. Tutte queste assurdità costruiscono una bella storia con dei personaggi interessanti (compreso il pinguino depresso) dove il protagonista si ritrova al centro di una cospirazione.
Ma tutta questa allegoria viene scritta da Kurkov per far conoscere la sua Ucraina post- sovietica, dove Misha rappresenta il popolo russo, dove uomini e donne hanno bisogno gli uni degli altri per la loro sopravvivenza ma rimangono chiusi nelle loro solitudini senza riuscire a trovare amicizie o uno scopo comune. Un popolo che vive in una regione instabile e corrotta e dove Kurkov cerca di provocare i lettori al lottare per qualcosa, andando al di là della semplice resistenza … ma il suo protagonista Viktor alla fine della storia lotterà? Questo non posso dirvelo perché il libro ha un seguito “I pinguini non vanno mai in vacanza”.
Alcune cose negative: la Garzanti come casa editrice, secondo me non hanno compreso la bravura di questo scrittore e lo presentano male con una brutta copertina, una brutta traduzione (alcuni pezzi sono incomprensibili) e una brutta pubblicità.
Ottima lettura!

Titolo: Picnic sul ghiaccio
Autore: Andrei Kurkov
Traduttore: Moroni C.
Editore: Garzanti Libri
Prezzo: € 8.50
Collana: Gli elefanti
Data di Pubblicazione: Ottobre 2003
ISBN: 8811677556
ISBN-13: 9788811677550
Pagine: 321
Reparto: Narrativa > Thriller

Andrei Kurokov è nato nel piccolo paese Budogoszcz nella zona di Leningrado. Nel 1983 si è laureato a Kiev all’Accademia Pedagogica di Lingue Straniere. Ha iniziato a scrivere a sei anni e raccoglieva cactus – ha raccolto quasi 1.500 di loro, ambiziosamente voleva imparare il loro nome latino.

Anifares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *