Adelaide Ricci – E la vita che viene


A cura di Renzo Montagnoli

Il tempo ritrovato
Chissà perché leggendo la breve biografia di Adelaide Ricci, medievista e docente di Storia Medievale all’Università di Pavia-Sede di Cremona, mi ero immaginato una raccolta di poesie caratterizzate da quelle miniature, questa volta in versi, con cui alcuni monaci, dotati di indubbie qualità artistiche, nel medioevo ornavano i libri che gli amanuensi, con diligente e certosina pazienza, ricopiavano. Premetto che la mia fantasia non era finalizzata a una speranza, ma al timore di trovarmi a leggere poesie infiorettate anche troppo. Per fortuna, non è così, per quanto il linguaggio dell’autrice non sia scarno, ma presenti una sua misurata armonia che rende la lettura più che gradevole. La creatività viene così espressa in forme eleganti che non appesantiscono, ma impreziosiscono le liriche, tutte improntate a un canto alla vita ( e non a caso il titolo è E la vita che viene). C’è anzi una ricerca stilistica volta a un’armonia lenta che sembra scandire il trascorrere del tempo nella sua originale cadenza, senza l’innaturale velocizzazione che è tipica dell’uomo contemporaneo. E’ così possibile meglio soffermarsi sui concetti esposti, effettuare le dovute e necessarie riflessioni, al contempo apprezzando il ritmo che può apparire lento, ma che è quello del tutto naturale che i clamori e la rincorsa a false mete ci hanno fatto dimenticare (Indovina la neve / a occhi chiusi / come il merlo sui rami / d’inverno / se da terra / ci sembrano spade / sono rami / alle mani del cielo / che non serve / aver sete e pudore / a occhi aperti / rivela la neve). Non mancano, quindi, e opportunamente, le belle immagini, quella capacità che ha il poeta di eseguire un ritratto a parole, tanto che certi aspetti paesaggistici vengono formandosi davanti agli occhi, verso dopo verso ( Di maggio / come gazze /b sulla strada / a voce netta / per quel po’ / di pane / sul ciglio / anche i papaveri / nel verde /….).
C’è comunque in tutta la raccolta un senso di brezza ristoratrice, un ritorno alla natura che non può che infondere una ragionata serenità, l’acquisizione della consapevolezza di che cosa in realtà siamo, miniature, spesso imperfette, nell’immenso libro dello scorrere del tempo, in un senso mistico dell’esistenza che sempre più appare come un ciclo brevissimo nell’eternità delò’universo.
Da leggere, senza il benché minimo dubbio.

Adelaide Ricci, medievista e docente di Storia medievale (Università di Pavia, sede di Cremona), è autrice di numerosi saggi e di alcuni volumi. È direttore artistico dell’ensemble musico-teatrale PerIncantamento, da lei fondato nel 2003. In poesia ha pubblicato la raccolta Nenie dell’aria (Cremona 2006) e Di terra e di luogo (sei testi, in «Strenna dell’ADAFA per l’anno 2006», XLVI, Cremona 2007).

Renzo Montagnoli Sito

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *