66THAND2ND presenta: Heartland di Anthony Cartwright


Heartland«Non era un credente. Credeva nel futuro, al fatto di essere solo zero e uno; credeva nell’immaginazione umana».
«Un racconto suggestivo di amore, politica e pallone».
Jonathan Coe

IL LIBRO
7 giugno 2002. Nella sede del Cinderheart Football Club tutti gli occhi sono rivolti a Inghilterra- Argentina, attesissima partita dei mondiali nippo-coreani. La faccia di Beckham riempie lo schermo, si attende con ansia il riscatto degli inglesi dalle delusioni del passato. L’insegnante di sostegno Rob Catesby ripensa alla sua prima volta allo stadio insieme al padre, alla sua carriera da calciatore semiprofessionista e alla decisione di appendere definitivamente gli scarpini al chiodo. Ma prima gli restano ancora 90 minuti da giocare. Nel melting pot della provincia inglese, percorsa dai rigurgiti nazionalisti del British National Party, a catalizzare l’attenzione di giornalisti e tifosi è infatti un’altra sfida, quella tra il Cinderheath Fc, formazione di soli bianchi, e una squadra composta da giocatori musulmani: «una partita capace di scatenare una guerra razziale nel Black Country». Rob si troverà ad affrontare Zubair, fratello di Adnan, l’amico del cuore svanito nel nulla. Qualcuno pensa che sia morto, Rob sospetta che si sia arruolato nelle file di al-Qaeda. Solo Jasmine, un’altra vecchia amica d’infanzia, sa cos’è realmente accaduto… Heartland è un affresco dell’Inghilterra multietnica di oggi, abilmente calato nel tessuto postindustriale di Dudley, distretto siderurgico delle West Midlands. In un racconto appassionato che indaga il trauma dell’Europa all’indomani dell’11 settembre, l’autore entra nel cuore nero di una comunità rancorosa e diffidente, dove le differenze di classe e di religione costringono anche gli amici a schierarsi gli uni contro gli altri.

L’AUTORE
Anthony Cartwright è nato a Dudley nel 1973. A vent’anni si trasferisce a Norwich per studiare Letteratura angloamericana presso la University of East Anglia. Dopo disparate esperienze lavorative (in fabbrica, in pub e negozi, nella metropolitana di Londra), nel 1998 diventa docente di inglese e comincia a insegnare in diverse scuole dell’East London e del Nottinghamshire. Il suo libro d’esordio, The Afterglow, ha vinto il Betty Trask Award nel 2004. Il secondo romanzo, Heartland (2009), libro dell’anno per il «Guardian», è stato acclamato dalla critica e selezionato tra i finalisti del Commonwealth Writers’ Award: Best Novel 2010. Nell’agosto 2012 è uscito il suo ultimo lavoro, How I Killed Margaret Thatcher. Autori come Jonathan Coe, David Peace e Catherine O’Flynn hanno elogiato la forza narrativa e lo stile di Cartwright, spesso accostato alla tradizione del realismo sociale britannico e a grandi nomi come David Storey, Alan Sillitoe, Roddy Doyle. Per definirne l’ambizioso disegno narrativo, Philip Oltermann del «Guardian» ha paragonato Heartland a Underworld di Don DeLillo.

Per contatti e ulteriori informazioni:
Manuela Paonessa – mpaonessa@66thand2nd.com
Francesca Ciarcianelli – fciarcianelli@66thand2nd.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *